10 C
Rome
giovedì, Settembre 29, 2022

Mourinho scuote la Roma: la stagione non è finita

Josè Mourinho ha usato parole pesanti nei confronti della squadra negli spogliatoi la sconfitta di Milano contro l’Inter. Lo sfogo ha avuto un obiettivo preciso: solleticare l’orgoglio e la reazione dei giocatori, soprattutto di quelli più importanti. Qualcosa di già visto, lungo tutta la carriera dell’allenatore portoghese, e anche qui a Roma, vedasi dopo l’imbarcata presa dal Bodo Glimt in Norvegia. La settimana della Roma è stata più che negativa. Il pareggio in casa con il Genoa ha escluso forse in maniera definitiva i giallorossi dalla corsa Champions ed ora anche la Coppa Italia è sfumata. Lo “Special One” è il primo a sapere che questa è una stagione di transizione in attesa della rifondazione di giugno, ma sa anche che ci sono ancora obiettivi da provare a raggiungere e la stagione può riservare ancora inaspettate soddisfazioni. In primis dalla Conference League.

Lo sfogo del tecnico: fuori gli attributi

Voglio sapere perché vi cagate sotto contro le grandi. Avete paura? E allora andate a giocare in C dove non troverete mai le pressioni del grande calcio. Siete gente senza palle. La cosa peggiore per un uomo!”. Mou non ha usato mezzi termini per trasmettere alla squadra tutta la sua frustrazione per l’eliminazione dalla coppa nazionale. Bisogna ora vedere come reagirà la squadra alla scossa: i calciatori sono abbastanza abituati alle sue scariche elettriche e non sembrerebbero troppo turbati. Alcuni, semmai, sarebbero infastiditi dalla diffusione delle notizie su quanto avvenuto nel post partita di San Siro. Già da domenica in trasferta a Sassuolo la Roma dovrà dare un segnale di non aver staccato la spina in campionato. Il quarto posto, l’ultimo che garantisce l’accesso alla Champions League, dista 6 punti ed appare ancora più irraggiungibile di fronte ad una Juventus che si è ritrovata con gli innesti di Zakaria e soprattutto Vlahovic. La Roma deve però continuare a lottare per la qualificazione in Europa League.

Conference League primo obiettivo

C’è poi la Conference League, che rappresenta l’altra possibilità per scalare un gradino nelle coppe europee, su cui Mourinho punta molto e che ora è divenuto il principale obiettivo stagionale. Vincerla non sarà un’impresa facile viste le fragilità mostrate dalla squadra e la presenza anche nella terza competizione europea di avversari di livello. Ma anche questa Roma ha le risorse tecniche ed il dovere di provarci. Alzare al cielo la Conference League avrebbe molteplici significati: sarebbe un risultato storico alla prima edizione, riconsegnerebbe un trofeo ai giallorossi dopo ben quattordici anni (il primo europeo se escludiamo la Coppa delle Fiere e quella anglo-italiana) e permetterebbe allo Special One di non concludere la stagione con zeru tituli, ma anzi di essere subito vincente a Roma.

Davide Di Bello
Davide Di Bello
Laureato in comunicazione e giornalismo, faccio il giornalista per avere una finestra privilegiata sul mondo. Sono professionista dal 2019, ho collaborato con testate locali e collezionato alcune presenze in testate nazionali. Lo sport è stato il mio primo amore. Penso che il solo modo per restituire valore al giornalismo sia realizzare contenuti di qualità. Da gennaio 2022 curo la redazione sportiva di "Roma Top News"

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui Social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles