14.4 C
Rome
martedì, Giugno 28, 2022

Le imprenditrici italiane vogliono una donna al Quirinale

I tempi in Italia sono maturi per una svolta femminile che porti finalmente “Una donna al Quirinale”: è questo il titolo della campagna lanciata da Aidda, l’associazione italiana che valorizza e sostiene l’imprenditoria al femminile, con un evento a Napoli dal quale è partita anche una petizione popolare online. La campagna è stata lanciata in occasione delle celebrazioni per i 50 anni di attività della delegazione Aidda Campania che per l’occasione ha riunito a Napoli le imprenditrici dell’Associazione provenienti da tutta Italia.

L’iniziativa, voluta dalla presidente della Delegazione Aidda Campania, Concita De Vitto, è stata organizzata dalla vice presidente nazionale di Aidda Marta Catuogno, dalla socia di Aidda Campania Bianca D’Angelo e dalla consigliera nazionale Carla Librera con il contributo di tante socie di Aidda Campania.

Qualità che la presidentessa dovrebbe avere

Sono sette le virtù presidenziali indicate durante l’iniziativa e che saranno i pilastri portanti della campagna di sensibilizzazione voluta dalla presidente nazionale di Aidda, Antonella Giachetti: capacità di unire un Paese diviso, orizzonte internazionale ma radici nei territori, ascolto e naturale empatia, conoscenza profonda del quadro costituzionale, giuridico e di governance con buona conoscenza di inglese rispetto del ruolo tradizionale di super partes. Attenzione primaria ai concetti di cura relativa alle persone, all’ambiente, alle relazioni e di one Health, la salute di tutto l’ecosistema che comprende l’uomo e tutto l’ambiente.

Caratteristiche intrinseche dell’essere donna e che sarebbe l’ora di portare nel ruolo più prestigioso del Paese, quello che ha il compito di rappresentare l’unità nazionale. A maggior ragione oggi che l’Italia si appresta ad affrontare le difficili sfide della ripresa, dopo l’emergenza sanitaria del Covid, e le opportunità del Pnrr è necessario che il prossimo presidente della Repubblica metta al centro i valori al femminile: primo tra tutti il concetto di ‘cura’, cura del Paese, delle istituzioni, della famiglia, dell’essere umano e dell’ambiente; e poi quello, oggi così cruciale, della sostenibilità che non significa solo contrasto ai cambiamenti climatici, ma anche contrasto alla povertà sociale, economica, culturale e di valori.

Bisogno di sensibilità femminile

“Abbiamo lanciato questa campagna – spiega la presidente Giachetti – perché siamo convinte che questo Paese abbia bisogno della sensibilità e delle peculiarità delle donne. Per affrontare le sfide che il futuro ci presenta c’è bisogno di valori femminili, è quindi l’ora che la politica, le categorie, le associazioni, gli enti sociali ed economici ne prendano consapevolezza e si organizzino di conseguenza valorizzando le loro risorse al femminile. Sappiamo bene che il mondo non tornerà mai come prima del Covid, la pandemia è per tutti noi uno spartiacque storico, un nuovo punto di partenza. E’ il momento di tirare fuori il coraggio di cui questo Paese è capace, rompere i vecchi e polverosi schemi, affrontare con speranza e determinazione e non con timore il futuro che ci aspetta. E’ quindi il momento di compiere le svolta storica che questo Paese aspetta da tempo: i tempi sono maturi per portare una donna al Quirinale”. E se anche questa volta dovesse toccare a un uomo rappresentare l’unità italiana, conclude Giachetti, “speriamo con questa campagna di iniziare un nuovo percorso, da condividere anche con altre associazioni, che semini un cambio di paradigma i cui frutti potremo raccogliere tra sette anni”.

Le prime testimonial imprenditrici sotto i 48 anni

Per il lancio della campagna “Una donna al Quirinale” Aidda ha voluto coinvolgere come prime testimonial dell’iniziativa le proprie associate sotto i 48 anni, che hanno risposto con entusiasmo all’invito, nella convinzione che rappresentando non solo il futuro della Associazione, ma il futuro della società in cui viviamo, debbano essere le prime protagoniste della trasformazione verso un’importante integrazione di valorialità femminili nella costruzione e nella organizzazione della nostra società. All’appello della presidente Giachetti hanno risposto subito sette giovani associate che sono state presentate come le testimonial della campagna. Tra queste Francesca Romana Memoli che si è detta “onorata di sostenere attivamente la campagna “Una donna al Quirinale” lanciata da Aidda, rimanendo fortemente convinta che l’elemento femminile in ruoli istituzionali possa realmente dare quel valore aggiunto per affrontare le sfide future, stimolando una trasformazione del paradigma del pensiero conservatore. Confermo la mia incondizionata disponibilità a sostenere la sottoscrizione della petizione. Grata di questa opportunità di perorare un concreto personale orientamento non solo ideologico a sostegno della ‘valorialità’ femminile in ogni campo, avrò il piacere di apprendere di più di questo progetto, per poter individuare il mio migliore contributo operativo”. Anche Martina Burlando ha risposto con entusiasmo alla chiamata di Giachetti. “Poter anche solo immaginare un presidente della Repubblica Donna, è già un grande passo. Noi donne possiamo fare tutto e siamo così testarde e determinate che ci riusciremo. Pertanto conta pure su di me”.

Valentina Roselli
Valentina Roselli
Laureata in Scienze Politiche, giornalista, ha iniziato come cronista per importanti testate nazionali e locali, ha collaborato con alcuni periodici di attualità occupandosi di politica ed è stata direttrice editoriale del quotidiano "Notizie Nazionali". Negli ultimi anni ha lavorato come ghostwriter e ha collaborato ad inchieste giornalistiche di attualità per radio e tv online.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui Social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles