22 C
Rome
mercoledì, Giugno 29, 2022

Lazio, basta un tampone rapido per la positività o per la fine della quarantena

Giovedì pomeriggio il presidente della Regione, Nicola Zingaretti e l’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato hanno firmato un’ordinanza che stabilisce le nuove regole sanitarie. Un tampone rapido sarà abbastanza per definire i casi positivi, le modalità di tracciamento e i criteri di fine isolamento e fine quarantena. Per la positività al Covid e la fine della quarantena basterà il tampone rapido nel Lazio.

Tamponi molecolari solo su prescrizione medica

Il testo dell’ordinanza recita che per la diagnosi di infezione da Sars-CoV-2: “un test antigenico positivo non necessiti di conferma con test Rt-Pcr (molecolare) per la definizione di caso confermato Covid-19 e conseguente disposizione di isolamento; un test antigenico negativo in soggetti sintomatici necessiterà di conferma con un secondo test antigenico rapido a distanza di 2-4 giorni o con metodica Rt-Pcr (molecolare), esclusivamente sulla base della valutazione clinica (ad esempio la presenza e la gravità dei sintomi) ed epidemiologica del caso”.

Tampone rapido per fine quarantena

In più l’ordinanza dispone che “il test antigenico potrà essere utilizzato per la valutazione del termine dell’isolamento di un caso confermato Covid-19, ai sensi della normativa pro tempore vigente in materia; l’utilizzo del test antigenico nei soggetti contatti dei casi positivi per la valutazione del termine della quarantena; che tutti i soggetti autorizzati alla esecuzione di test antigenici (farmacie o laboratori) dovranno garantire, anche in considerazione di quanto sopra evidenziato, l’inserimento dei dati relativi ai test antigenici rapidi nei sistemi informatici regionali, al fine di permettere la tempestiva presa in carico dei casi positivi”.

Tracciamenti mirati

La nuova ordinanza della Regione Lazio prevede anche che le attività di presa in carico e tracciamento dovranno essere prioritariamente orientate alla valutazione clinica ed epidemiologica dei seguenti casi: “persone a rischio aumentato di forme gravi di Covid-19, incluse le persone non vaccinate; persone che vivono, lavorano, visitano o offrono servizi a persone ad elevato rischio di forme gravi di Covid-19; persone (contatti) che vivono insieme o che forniscono assistenza al caso positivo; persone che vivono, lavorano o visitano comunità chiuse, ambienti lavorativi affollati o eventi/contesti ad alto rischio di estesa diffusione virale; focolai o cluster già conosciuti”.

Anca Mihai
Anca Mihai
Giornalista freelance corrispondente estero per varie testate romene. Dal 2003 annovera esperienze come corrispondente dall'Italia per la Televisione Alephnews, Kanal D, l'Agenzia Nazionale di Stampa Agerpres, il quotidiano Adevarul e Radio Romania Timisoara. Residente a Roma dal 2004, ha conseguito la seconda Laurea in Scienze della Comunicazione presso l'Università Sapienza di Roma. Nel 2000 si è laureata in Giornalismo e Inglese Applicato presso l'Università dell'Ovest di Timisoara.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui Social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles