20.1 C
Rome
giovedì, Giugno 30, 2022

Furti e rapine in diverse zona di Roma, arrestate 6 persone

Nelle ultime ore la Polizia di Roma, in diverse circostanze, ha arrestato soggetti gravemente indiziati di tentato furto, furto e rapina. Gli agenti della Sezione Volanti, in due diverse situazioni, hanno arrestato 2 italiani ed 1 romeno: i primi 2 perché gravemente indiziati di tentato furto in concorso, l’altro invece di furto con destrezza aggravato.

Il trucco della cassa automatica nel supermercato

I due italiani, uno di 43 anni e l’altro di 47, sono stati sorpresi da personale di vigilanza di un supermercato in zona Prenestino mentre, alla cassa automatica, stavano passando solo alcuni prodotti che avevano nel carrello della spesa: passati oltre senza pagare le altre cose, sono stati bloccati dall’uomo che ha chiamato il 112. Quando i poliziotti sono arrivati, hanno verificato che la merce non pagata ammontava ad un valore di 290 euro. Entrambi sono stati condotti davanti al Giudice del Tribunale di Roma che ha  convalidato la misura pre-cautelare adottata dalla polizia giudiziaria.

Rapina un passante in zona San Giovanni

Il cittadino romeno invece, insieme ad un complice che è riuscito a fuggire, aveva sfilato, in zona San Giovanni, il portafogli dalla tasca posteriore dei pantaloni di un uomo che però li ha seguiti chiedendo aiuto ad una guardia giurata di un esercizio commerciale e alla Polizia: immediatamente è arrivata una Volante che ha bloccato il 20enne straniero. Arresto convalidato dall’Autorità Giudiziaria.

Aggressione e rapina a Monteverde

Sono stati sempre gli agenti della Sezione Volanti, ma stavolta insieme a quelli del XII Distretto Monteverde, ad arrestare tempestivamente un cittadino albanese, di 53 anni, gravemente indiziato di rapina aggravata. Lo straniero, dopo aver aggredito un uomo giudicato poi guaribile dai sanitari in 7 giorni salvo complicazioni, gli ha rubato il telefono cellulare e l’orologio, ritrovati rispettivamente nella tasca del suo giubbotto e in quella dei pantaloni. Dopo la convalida dell’arresto per lui è stato disposto l’obbligo di dimora nella provincia di Latina.

Ruba l’elemosina in chiesa con il trucco del biadesivo calato nella cassetta delle offerte

Ad arrestare un 38enne gravemente indiziato di rapina, sono stati invece i poliziotti del commissariato Celio, chiamati dal custode di una chiesa della zona che, visto l’uomo rubare i soldi dalla cassettina delle elemosine utilizzando del nastro bi-adesivo calato attraverso la fessura per l’inserimento del denaro, gli aveva intimato di smettere: per tutta risposta lo straniero lo aveva spintonato ed era fuggito inseguito dal custode stesso fino all’arrivo degli uomini in divisa. L’arresto è stato poi convalidato dal Gip del Tribunale di Roma in sede di udienza di convalida.

Vescovio, furti nelle cantine

Infine gli agenti del commissariato Vescovio, chiamati dal portiere di uno stabile che aveva sorpreso un romeno, non residente nel condominio, a rovistare nelle cantine, hanno arrestato il 42enne, gravemente indiziato di furto per aver forzato la porta di 10 locali ed aver portato fuori da uno di questi 2 vassoi in argento ed un kit da sommelier, poi riconosciuti dal legittimo proprietario, ed evasione in quanto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. L’arresto è stato convalidato dal GIP del Tribunale di Roma e per l’uomo è stata disposta la misura cautelare in carcere; sono in corso ulteriori accertamenti per verificare se sia responsabile di altri episodi analoghi avvenuti nel quartiere.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui Social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles